Differenze tra simdrome di Hikikomori e dipendenza da internet

È di qualche giorno fa la notizia di un ragazzo di diciannove anni che si è gettato dal quinto piano della sua abitazione dopo che la mamma gli toglieva la tastiera del pc. Si scopre in seguito del tragico incidente, che il diciannovenne soffriva di una rara malattia psicologica poco conosciuta in Italia ma ben più nota in Giappone, la sindrome di Hikikomori.

Nel nostro paese Hikikomori colpisce 1 ragazzo ogni 250 circa, nella maggior parte dei casi in età pre adolescenziale, che per cause sociali si ritirano ad una vita lontana da tutti, rinchiudendosi in casa evitando ogni tipo di rapporti sociali.

Il significato della parola infatti vuol dire proprio “stare in disparte” “isolarsi”.

Facciamo peró chiarezza su alcune dicerie che identificano in internet e nell’utilizzo di strumenti moderni, la causa di Hikikomori.

 

Hikikomori e dipendenza da internet sono due cose diverse

Lo stato di isolamento spinge l’hikikomori a rifugiarsi nella rete e a utilizzarla come unico mezzo di contatto con il mondo esterno. In questo caso, tuttavia, l’uso di internet rappresenta una conseguenza e non una causa dell’isolamento. Infatti, anche se con il tempo un hikikomori dovesse diventare dipendente da internet, ciò non significherebbe che il suo isolamento sia originato da tale dipendenza.

La maggior parte di loro utilizzano questo strumento come passatempo o come semplice mezzo di evasione.

Da un certo punto di vista, internet rappresenta un vantaggio per gli hikikomori perché permette loro di mantenere delle relazioni (seppur virtuali) con altre persone. Infatti, gli hikikomori che scelgono di non usare internet vivono in uno stato di isolamento totale.

Al contrario, quando è l’abuso di internet che spinge l’individuo verso un graduale allontanamento dalla società si deve parlare di “dipendenza da internet” e non di hikikomori.

Questo non esclude però che le due condizioni possano in qualche modo sovrapporsi e favorirsi a vicenda.

 

Non tutti gli Hikikomori utilizzano internet

Isolandosi nella propria stanza l’hikikomori vuole allontanarsi da tutte quelle dinamiche che dominano il mondo sociale al di fuori della propria abitazione. Dunque, anche l’utilizzo di chat, forum e social network rappresenta comunque un contatto con il mondo esterno e per molti hikikomori ciò comporta un’enorme difficoltà.

Inoltre, è importante sottolineare che il fenomeno degli hikikomori nasce in modo completamente autonomo rispetto allo sviluppo delle nuove tecnologie. Infatti, negli anni 80′, quando il fenomeno degli hikikomori esplose in Giappone, il computer e internet non facevano ancora parte della nostra vita quotidiana.

 

Quali sono quindi le cause della sindrome?

Le cause che conducono i soggetti a soffrire della sindrome di Hikikomori sono molteplici ma tutte lontane dalla dipendenza da internet.

Può dipendere dall’assenza del padre in una famiglia dove quest’ultimo sceglie solitamente di non prendersi responsabilità riguardo la crescita dei figli.

Da una forte dipendenza di un soggetto dalla madre impedendo di fatto alla prole uno sviluppo psicologico autonomo. Il fenomeno infatti sembrerebbe verificarsi maggiormente tra gli adolescenti maschi con madri troppo ansiose e oppressive, in situazioni in cui il peso dell’educazione e del mantenimento dei figli ricade esclusivamente su di esse.

Dalla costante e crescente competitività sociale.

 

Sicuramente l’utilizzo costante di internet, oggi è e tenderà sempre più ad essere un problema per i giovani ma confondere problemi di natura sociale con sindromi da dipendenza da internet è da considerarsi un vero e proprio errore.